Ritardi nel bandire i Concorsi – Lettera aperta al capo della Polizia

È gravissimo il ritardo del Dipartimento della P.S. nel bandire i concorsi (anche per il personale tecnico) per Vice Sovrintendente, Vice Ispettore e Commissari del ruolo ad esaurimento.

Un danno enorme che si sta producendo per tutti gli interessati che si troveranno gerarchicamente indietro agli omologhi nelle altre forze dell’ordine.

Il Dipartimento avrebbe dovuto garantire e curare in accordo i principi contenuti nella stessa legge, e più volte “sbandierati” dell’equiordinazione e dell’armonizzazione.

La nostra amministrazione ha voluto fortemente questa revisione dei ruoli per la Polizia di Stato, contro tutti gli ostacoli frapposti dalle altre amministrazioni.

Probabilmente Lei non è stato informato dal Suo apparato oscurantista degli errori, altrimenti siamo certi che sarebbe intervenuto immediatamente in sostituzione dei Suoi collaboratori.

Quello che si sta verificando è imbarazzante per la nostra Polizia di Stato e un danno per il personale, lo manifestiamo con un esempio che naturalmente è da riferire nella revisione del personale di tutti i ruoli.

L’Arma dei Carabinieri ha già bandito un concorso per l’immissione di 160 unità nel ruolo straordinario ad esaurimento degli Ufficiali (già con organico di 1500 posti da sempre alimentato sin dal 1990- ruolo tecnico operativo e ruolo speciale) per effetto delle cessazioni ed è previsto anche l’istituto del soprannumero (a Noi Polizia di Stato negato se non per i Funzionari).

E chi parteciperà a questo concorso? Marescialli e Luogotenenti tutti di “grado” inferiori ai nostri Sostituti Commissari.

Si ricorda che la figura del Sostituto Commissario ha decorrenza giuridica dal 31 marzo del 2001 mentre il primo Luogotenente dei Carabinieri ha decorrenza dal 1° aprile 2001.

Il loro concorso poi per legge prevede un corso INFORMATIVO non superiore a tre mesi e invece ne faranno uno di appena sei settimane mentre i nostri Sostituti Commissari dovranno fare TRE MESI.

Questa situazione comporterà uno “scavalco” che si noterà soprattutto negli uffici Interforze pesando sul personale della Polizia di Stato che si troverà da superiore gerarchico a “subordinato” ai Carabinieri.

Dato che i vincitori del concorso dei carabinieri de quo già a novembre 2017 saranno immessi in ruolo come Ufficiali, mentre gli omologhi nostri Sostituti Commissari che parteciperanno al concorso ancora da bandire avranno decorrenza giuridica sicuramente dal 2018.

Pertanto sollecitiamo la S.V. a far uscire quanto prima possibile il bando di concorso per Commissari del ruolo ad esaurimento. Le chiediamo anche che la decorrenza giuridica nel ruolo e il tirocinio abbiano inizio dal mese di novembre 2017, almeno uguale a quella degli omologhi Carabinieri onde evitare ulteriori avanzamenti degli stessi e recuperare così la posizione di rilevanza giuridica per il Suo personale.

Il corso formativo successivo (che dovrà anche essere ridotto) potrà pure partire presso la Scuola Superiore dal mese di gennaio 2018 e così via per tutti gli altri.

Scarica Comunicato

Lascia un commento